Uso del Top Dresser 21.5.11 nel florovivaismo

Uso del Top Dresser 21.5.11 nel florovivaismo

Nella gamma dei prodotti Tempoverde, oltre ai fertilizzanti specifici per tappeti erbosi, sono presenti specialità per il florovivaismo.
La necessità di trovare nuove soluzioni per la nutrizione in vaso, per i produttori di piante aromatiche nella piana di Albenga, ha fornito l’occasione per testare un prodotto già utilizzato per la concimazione di piante ornamentali, ma ancora poco diffuso nel settore del vivaismo: il TOP DRESSER 21.5.10.
Le prove di coltivazione, della durata di 2 anni, sono state condotte dallo Studio di consulenza Restieri G., presso aziende produttrici di piante aromatiche afferenti al gruppo RB PLANT di Albenga.
Le colture maggiormente interessate dalle prove sono state; Rosmarino, Salvia, Lavanda (di varie specie), ovvero le principali per importanza numerica e soprattutto per problematiche di coltivazione legate alla nutrizione.

Lo scopo della sperimentazione

  • Prova comparativa di efficacia tra i fertilizzanti granulari a lenta cessione in commercio nel settore del florovivaismo (efficacia e durata a parità di dose).
  • Uso di concimi granulari in alternativa a fertirrigazione. Verificare se gli apporti di concimi granulari sono sufficienti al fabbisogno nutritivo delle colture riducendo al minimo l’apporto di concimi con la fertirrigazione (vedi limiti imposti dalla Direttiva Nitrati).

Materiali e metodi

Taglia del contenitore maggiormente utilizzata è il vaso in plastica diametro 14 (cm) il quale contiene circa 1 litro di volume di substrato, il ciclo medio di tali colture va dai 4 agli 8 mesi, ma anche oltre, nel caso di forme di allevamento particolari come l’alberello (maggiore difficoltà di fertilizzazione adeguata e costante irrigando per aspersione).
Il TOP DRESSER somministrato in copertura, ha un tempo di rilascio dell’Azoto di 20 – 24 settimane. Le dosi per ogni singolo apporto di concime in copertura è di 2 grammi per un vaso diametro 14 (circa 1 lt di substrato) oppure di 4 grammi per un vaso diametro 18 (circa 3lt di substrato), in generale si può utilizzare 1 grammo per ogni lt di volume di substrato.
Trattandosi di piante in substrato concimato, il Top Dresser è stato somministrato in un’unica soluzione nel mese di settembre (4-5 mesi dopo il trapianto).

Nella tabella sotto riportata, le dosi utilizzate nella prova ed attualmente in uso presso le aziende di Albenga.

COLTURA Ø CONTENITORE VOLUME DOSE TOPDRESSER
ROSMARINO141lt2 grammi
SALVIA141lt2 grammi
LAVANDA ANGUSTIFOLIA141lt2 grammi
LAVANDA STOECAS141lt2 grammi
ROSMARINO183lt4 grammi
SALVIA183lt4 grammi
LAVANDA ANGUSTIFOLIA183lt4 grammi
LAVANDA STOECAS183lt4 grammi
ROSMARINO3510lt10 grammi
LAVANDA STOECAS3510lt10 grammi
CRISANTEMO183lt4 grammi

Conclusioni

I risultati ottenuti dall’impiego del concime Naturlab Top Dresser 21.5.10 su aromatiche possono essere così riassunti:

– Assenza di effetti fitotossici: spesso con i concimi granulari a lenta cessione utilizzati in copertura nelle colture in vaso, si assiste a fenomeni fitotossici soprattutto ustioni radicali e fogliari, causate dalle forme di azoto troppo volatili o da eccessi salini. Nel caso del Top Dresser 21.5.10, i danni a livello radicale si sono rilevati minimi. Mentre pressoché assenti le ustioni fogliari anche in estate.

– Ottimo aspetto estetico delle piante concimate: Il colore della vegetazione e la consistenza dei tessuti si sono mantenuti costanti durante il ciclo produttivo.

  • Crescita costante e aspetto compatto. Il buon rapporto tra elementi nutritivi e le alte percentuali di microelementi, soprattutto di Ferro, forniscono alle piante un ottimo apporto di nutrienti senza creare picchi vegetativi, mantenendo le piante compatte durante la crescita e dall’aspetto sano.

– Formazione di nuove radici dopo la concimazione di copertura. Caratteristica che si è subito osservata con l’uso del Top Dresser 21.5.10 è la forte rigenerazione dell’apparato radicale al di sotto dei granuli distribuiti in copertura sui vasi. Le radici di nuova emissione si presentano molto turgide e ricche di capillari rispetto a quelle non concimate, o concimate con prodotti competitor.

La concimazione d’apertura. La colazione dei prati campioni.

La concimazione d’apertura. La colazione dei prati campioni.

Quando la natura si risveglia, iniziano tutta una serie di processi nel prato che si manifestano in maniera macroscopica con la crescita dell’erba.

Le macchine tosaerba scaldano i motori e sono pronte a ripartire.

Ma nel Gran Premio di Buona Manutenzione del Prato, non ci si deve dimenticare che l’erba ha bisogno della sua benzina, così come, per paragone, anche noi esseri umani del nostro cibo.

Senza una buona colazione le nostre energie diminuiscono rapidamente, non siamo in grado di produrre sforzi ripetuti e continui e rischiamo di debilitarci presto.

Lo stesso succede anche nel mondo vegetale. Un tappeto erboso necessita anch’esso della sua “colazione” per poter effettuare tutti i suoi processi metabolici, primo fra tutti la fotosintesi clorofilliana.

Durante l’inverno, per mantenersi in vita, il prato consuma le sue sostanze di riserva incamerate nelle radici e/o in altri organi di accumulo e stoccaggio (stoloni e rizomi).

Con l’arrivo della primavera, in taluni casi, la pianta rischia di presentarsi già stanca prima ancora di riuscire a rivegetare come si deve.

La concimazione d’apertura deve fornire tutti gli elementi necessari per far sì che il vegetale sia sempre in equilibrio, sano e forte.

Tempoverde ha sviluppato all’interno della propria proposta tutta una serie di referenze adatte a rispondere alle diverse situazioni che si possono verificare ad inizio primavera.

 

Concimi granulari:

  1. Nature Lab Energy 14.0.36 risveglia il prato dal punto di vista vegetativo, dona colore all’erba e nel contempo nutre anche le radici. È il compagno ideale di manutenzione del giardiniere quando si trova davanti un prato con molte piante secche e con una colorazione generale spenta e tendente al giallo.
  2. Premium Green 10.2.5 è un concime completo che aiuta il giardiniere in situazioni di crescita disforme dell’erba e che ridona vitalità e fertilità al terreno (duplice azione). La presenza al suo interno di microelementi e Ferro regolano il processo osmotico delle piante con il giusto assorbimento della soluzione circolante ricca di elementi nutritivi.
  3. TurFeed pro Speedball 24.5.10 con le sue forme di lenta cessione e con il bilanciamento degli elementi chimici (rapporto 5:1:2) fornisce gli elementi nutritivi utili nell’immediato in fase di risveglio vegetativo, ma procura al contempo anche un serbatoio di scorta in caso di situazioni future di difficoltà. La sua forma metilenureica, poi, mantiene costante la fertilità del terreno fornendo nutrimento anche ai microrganismi utili. La sua dotazione in Magnesio (elemento centrale della clorofilla) permette la massimizzazione della funzione fotosintetica con beneficio dell’intera pianta.
  4. Nature Lab Growth 19.5.10 ripete lo schema visto precedentemente, con una scelta granulometrica più grande (diametro del concime leggermente maggiore) e con una presenza contemporanea anche di rilascio programmato (liberazione per osmosi di alcuni elementi nutritivi).

 

Fertilizzanti liquidi:

  • TurFeed Pro Seaforce è uno speciale estratto a freddo di Ascophyllum nodosum per la rifertilizzazione dei suoli. Si tratta di un’alga lavorata in maniera naturale, senza l’intervento di acidi, in modo da non perdere le sue proprietà benefiche e rendere attivi i microrganismi del terreno.
  • TurFeed Pro Switch On. “Cocktail” a base di aminoacidi, Ferro chelato di ultima generazione e Potassio. Terreni pesanti, stanchi e poveri sono il substrato ideale dove impiegare questa preziosa “risorsa” che il bravo giardiniere ha imparato ad apprezzare in maniera sempre più evidente.
  • TurFeed Pro Sprint 10.5.7 è un concime ternario arricchito con tutta la catena di microelementi chelati. Si tratta perciò di un fertilizzante liquido completo, adatto per tutti quei prati “pigri che non si vogliono risvegliare” (in associazione con Premium Green 10.2.5).

 

Per ogni situazione, la giusta soluzione.

Per ogni necessità del prato, il giusto concime d’apertura.

Pin It on Pinterest