Maggio sta per finire, e la scelta del corretto fertilizzante in questo periodo climatico di transizione diventa strategico. Generalmente con la fine di maggio il tappeto erboso abbandona la fase in cui le temperature dell’aria e del suolo sono medie o medio-calde e mitigate dalle notti fresche, per passare alle temperature di giugno che vedranno picchi di calore sempre più in aumento riscaldando l’aria anche nelle ore notturne. Inoltre nel mese giugno si innalzeranno gradualmente anche i tassi di umidità relativa dell’aria, creando le prime condizioni critiche per possibili attacchi fungini.

 

L’importanza del potassio, dell’azoto e dell’irrigazione

Diventa quindi strategica la giusta scelta del fertilizzante in questo periodo perché il tappeto erboso è ancora in una vivace fase di crescita vegetativa richiedendo discrete quantità di azoto, d’altro canto, proprio per l’avvicinarsi delle prime condizioni climatiche di stress termico, non possiamo sottovalutare l’esigenza del tappeto erboso dell’elemento principe per la sua resistenza alla siccità e alle alte temperature: il potassio.

Un altro aspetto manutentivo che condiziona notevolmente la scelta del giusto concime in questo periodo è l’aumento rilevante dell’evapotraspirazione del tappeto erboso: per questo motivo gli apporti irrigui settimanali aumentano drasticamente, pur rispettando i tempi e gli intervalli agronomici corretti (irrigazioni abbondanti ogni 3-4 gg) ed incrementeranno la possibilità di dilavamento e lisciviazione dei nutrienti apportati.

Per questi motivi diventa fondamentale la scelta di un fertilizzante con un apporto bilanciato tra i due principali elementi: azoto e potassio. Inoltre il prodotto dovrà avere una tecnologia che gli permetta di cedere i nutrienti in modo insensibile all’acqua del terreno producendo curve di rilascio il più possibile indifferenti all’aumento dei cicli di irrigazione e alle corte e veloci, ma spesso abbondanti, precipitazioni estive (bombe d’acqua).

 

La soluzione Tempoverde

Per queste specifiche situazioni climatiche ed esigenze nutrizionali del tappeto erboso, Tempoverde consiglia l’utilizzo del fertilizzante della linea NatureLab: MAINTENANCE 17-0-16. Oltre al corretto rapporto tra gli elementi che permettono un’equilibrata crescita vegetativa senza eccesiva produzione di parte fogliare e un ottimo approfondimento dell’apparato radicale, MAINTENACE 17-0-16 contiene due tecnologie di lento rilascio dell’azoto: la lenta cessione grazie alla presenza di urea-formaldeide ad altissimo Indice di Attività, e la cessione controllata grazie alla presenza di fertilizzante avvolto dalla membrana polimerica brevettata MCT.

Sarà possibile ottenere un tappeto erboso ben nutrito, bilanciato, di ottimo colore e resistente a malattie e stress termici senza il rischio di avere eccessive perdite di fertilizzante per dilavamento (per irrigazione) o gassificazione (per elevate temperature). Inoltre l’immediato effetto colore sarà garantito dalla presenza di ferro e magnesio completamente solubili in acqua che ne completano la formula. MAINTENACE 17-0-16 ha una granulometria molto fine (2-2,5mm) ed è consigliato ad una dose di 30 gr/mq.

Pin It on Pinterest

Share This