Generalmente quando si parla di gestione dell’acqua nella manutenzione del tappeto erboso si pensa quasi esclusivamente ai periodi più caldi dell’anno e, infatti, gli agenti umettanti vengono impiegati prevalentemente nella stagione tardo primaverile/estiva.

È bene ricordare tuttavia che il corretto rapporto tra acqua ed aria nel terreno deve sempre essere rispettato, sia in estate che in inverno. Anche nei periodi invernali o autunnali è necessario che l’acqua nel terreno sia presente nella giusta quantità e che siano evitati ristagni idrici che inducono diversi effetti negativi sia a livello del substrato che sul tappeto erboso.

In presenza di ristagni idrici, la fase liquida va ad occupare quegli spazi che in condizioni ottimali dovrebbero essere occupati dalla fase aeriforme; in queste condizioni nel terreno si crea una situazione di ridotta aereazione oltre che una destrutturazione del substrato (in particolare nei suoli con tessitura più fine) che renderà problematico il movimento dell’acqua e dell’aria anche nei periodi in cui il ristagno è assente.

L’eccesso di acqua nel terreno facilita peraltro la diffusione del muschio e di alcune fitopatie. In genere, le radici turgide d’acqua risultano meno resistenti agli attacchi parassitari e la forte percentuale di umidità nel terreno favorisce l’insorgere di patologie fungine.

La maggior parte dei manutentori, tuttavia smette di utilizzare i tensioattivi all’inizio dell’autunno quando il periodo di stress estivo è finito ma proprio in questo periodo aumentano le probabilità che si verifichino condizioni di eccesso d’acqua dovuti a fenomeni temporaleschi intensi, nevicate, ecc. Si evidenzia peraltro che, con le basse temperature, l’acqua tende a non evapotraspirare e pertanto a ristagnare nel substrato più a lungo.

Nell’ottica quindi di dover garantire per tutto l’anno il corretto rapporto tra aria ed acqua nel terreno, gli agenti umettanti Aquatrols trovano ragione di essere utilizzati non solo in estate ma nel corso di tutte le stagioni, garantendo importanti vantaggi per il prato come i seguenti:

 

Vantaggi nell’utilizzo di surfattanti nel tardo autunno

Nel tardo autunno, quando l’impianto di irrigazione è spento e l’attività vegetativa del tappeto erboso si riduce, può essere molto utile, a seconda dei casi, un’applicazione di un penetrante (DISPATCH SPRAYABLE) o di un agente umettante preventivo (REVOLUTION). Tramite l’impiego della giusta molecola potremo infatti ottenere:

  • Livelli di umidità del suolo più uniformi prima delle gelate invernali
  • Superfici di gioco più dure, asciutte e giocabili
  • Riduzione della virulenza e della diffusione di alcune patologie fungine

 

Vantaggi nel periodo invernale

Nel periodo invernale può essere opportuno orientarsi verso l’utilizzo di surfattanti che, abbassando la tensione superficiale dell’acqua, ne facilitano la penetrazione nel terreno come DISPATCH SPRAYABLE.

In particolare gli effetti benefici dell’utilizzo di DISPATCH SPRAYABLE in inverno sono:

  • Garantire una penetrazione rapida ed uniforme dell’acqua piovana e dell’acqua proveniente dallo scioglimento della neve
  • Ridurre l’effetto del gelo limitando i danni causati da lesioni da idratazione della corona (l’acqua libera in superficie tende ad idratare eccessivamente la corona delle piante ed il gelo può essere causa di lesione della corona stessa. Meno acqua libera in superficie con temperatura inferiore allo 0 significa limitare tale danno)
  • Migliorare i livelli di umidità del suolo durante lo scongelamento del terreno
  • Migliorare la giocabilità della superficie

 

Vantaggi ad inizio primavera

Anche in questo caso, a seconda delle condizioni specifiche, si può optare per l’utilizzo di DISPATCH SPRAYABLE o REVOLUTION con lo scopo di:

  • Garantire una penetrazione rapida ed uniforme dell’acqua piovana in caso di piogge molto intense
  • Migliorare i livelli di umidità del suolo durante lo scongelamento del terreno
  • Ottimizzare l’assorbimento radicale del prato in fase di risveglio vegetativo per massimizzare l’attività fotosintetica delle piante che escono dall’inverno.  
  • Ottimizzare l’umidità del terreno in caso di primavere molto siccitose

Pin It on Pinterest

Share This