RHIZOCTONIA SOLANI. UNA PATOLOGIA ESTIVA

Arriva l’estate. Tra le patologie presenti in questo periodo dell’anno, si rende manifesta la Rhizoctonia solani (meglio conosciuta come Brown patch). Si tratta della forma estiva di Rhizoctonia .

Su tappeti erbosi mantenuti a basse altezze di taglio, chiazze circolari e/o di forma più irregolare si sviluppano rapidamente, fino ad arrivare a 1-2 m.; l'erba nell'area avvizzita è dapprima di colore verde porpora poi vira verso marrone chiaro; nei periodi caldo-umidi su tappeti erbosi a basse altezze di taglio la chiazza può presentare un bordo scuro o marrone grigio che prende il nome di anello di fumo.

Su tappeti erbosi mantenuti ad altezze di taglio più alte, si formano chiazze circolari di circa 15-30 cm di diametro; l'erba al centro della chiazza può risultare non colpita oppure può recuperare più rapidamente.

Il fungo sopravvive ai periodi sfavorevoli al suo sviluppo sotto forma di pseudosclerozi o di micelio nelle parti vegetative in decomposizione.

Può germinare a temperature comprese tra gli 8 e i 40°C, con un optimum di 28°C.

Che cosa fare per prevenire tale patologia? Senz’altro utilizzare concimi a lenta cessione bilanciati tipo TurFeed Pro Magic 25.0.15 o Nature Lab Maintenance 17.0.16 nella fase di preparazione all’estate e poi virare su fertilizzanti a lenta cessione tipo TurFeed Pro Doctor K 14.5.25 o Nature Lab Long Time 15.5.22 che insieme al rilascio programmato presentino anche una minima quantità di Fosforo atta all’aiuto nel controllo della malattia.

Naturalmente anche la dose di Potassio deve essere mantenuta alta per coadiuvare nello sviluppo delle radici.

La forma migliore di prevenzione è comunque quella d’impiegare miscele contenenti varietà resistenti come quelle contenute all’interno del Blue Country o del Blue Shadow. A tal proposito cultivars come Dynamic II, Endeavor II, Gazelle II o RainDance rappresentano la summa nei confronti del controllo della patologia. Si tratta, infatti, di varietà naturalmente endofizzate che insieme all’aspetto di difesa appena citato, manifestano anche una grande resistenza alla siccità, al caldo ed al calpestio.

In relazione a quanto indicato dal PAN, per l’impiego sostenibile dei prodotti fitosanitari, Tempoverde ha sviluppato una serie di bioattivati tipo MicoLeaf e MicoTouch per circoscrivere e prevenire ulteriormente il problema. L’impiego combinato con batteri PGPR (MicoPlus) ed attivatori organici (TurFeed Pro Biocarb 3.0.5) rende l’effetto ancora più manifesto e duraturo.

Dal punto di vista agronomico la presenza eccessiva di feltro può essere una causa di facile sviluppo della Rhizoctonia solani, così come il mantenimento di eccessivi livelli di umidità (soprattutto a livello superficiale) fanno proliferare rapidamente la malattia.

Esistono dei formulati di sintesi efficaci per la cura che possono essere utilizzati in relazione alle disposizioni del PAN e per i quali si rimanda alla lettura dell’etichetta, della scheda di sicurezza e a quanto emanato a livello regionale per le zone di competenza.